Capelli grassi: cause, prodotti e rimedi naturali

capelli grassi

Quali sono le principali cause dei capelli grassi?

I capelli grassi possono essere la conseguenza di disturbi di vario genere, in particolare tra le cause più comuni troviamo: una scorretta alimentazione, disturbi ormonali, problematiche legate al cuoio capelluto come la dermatite, assunzione di farmaci.

All’apparenza i capelli grassi risultano pesanti e oleosi per l’eccessiva produzione di sebo: quest’ultimo è prodotto dalle ghiandole sebacee e agisce rivestendo il capello e proteggendolo dagli agenti esterni. Nel momento in cui la produzione di sebo è alterata, e quindi eccessiva, i capelli appaiono unti e grassi. Non sempre risulta semplice individuare la causa scatenante, ma quello che possiamo sicuramente fare è scegliere i prodotti più adatti per trattarli, a cominciare dallo shampoo.

Molto spesso la problematica dei capelli grassi è accompagnata da forfora e prurito cutaneo. Proprio per questo è importante utilizzare prodotti purificanti, ma allo stesso tempo delicati, in modo da non irritare ulteriormente la cute lesa e arrossata. Diluire lo shampoo in un po’ d’acqua prima dell’applicazione contribuisce a rendere l’azione lavante più delicata. Il massaggio è fondamentale: con leggeri movimenti circolari e con i polpastrelli, in modo da stimolare la circolazione.

I migliori ingredienti nei prodotti per capelli grassi

I migliori ingredienti presenti in uno shampoo per capelli grassi contengono oli essenziali ed estratti con azione purificante e astringente naturali come salvia, ortica, rosmarino, tea tree, verbena e menta piperita. Si tratta di materie prime in grado di purificare il cuoio capelluto e con azione sebo normalizzante; alcune di esse sono contenuti ad esempio nello Shampoo Normalizzante Bioearth.

Un altro ingrediente indicato per il trattamento dei capelli grassi è l’olio essenziale di limone che, oltre alle proprietà purificanti, vanta un’ottima azione lucidante ideale per far brillare le lunghezze dei capelli. Possiamo trovarlo nel BIO Shampoo Salvia e Limone La Saponaria.

Oltre alla classica formulazione liquida, è disponibile anche la variante solida. Lo shampoo solido rappresenta infatti nell’ultimo periodo un vero e proprio trend. Si tratta di un prodotto eco-friendly dato che necessita di un packaging ridotto. E’ anche travel friendly e può essere portato sempre con sé.

Ne esistono diverse varianti, anche se lo shampoo solido per capelli grassi più indicato è quello che contiene nella formula gli ingredienti citati nelle righe precedenti. Ad esempio lo shampoo solido alla verbena Lamazuna.

Ecco qui di seguito tutti i nostri consigli per i capelli grassi che, applicati quotidianamente, possono coadiuvare nel loro trattamento ⬇

Evitare di toccare spesso i capelli con le mani

L’unto e i germi che sono presenti sulle dita delle nostre mani, anche se non li vediamo, vengono trasferiti inevitabilmente sulle lunghezze dei nostri capelli ogni volta che li tocchiamo.

Limitare prodotti particolarmente ricchi di oli

Questo vale per gli shampoo, i balsami ma anche per gli impacchi con gli oli vegetali che, soprattutto sul cuoio capelluto, potrebbero ungere ulteriormente. L’uso di prodotti per ammorbidire le lunghezze, come ad esempio l’ olio di cocco, è consigliato solo se applicato lontano dalle radici.

Limitare l’uso di prodotti per lo styling

Una valida alternativa è il gel d’aloe vera: un metodo naturale per il trattamento di capelli asciutti o bagnati, dalla texture asciutta e leggera e con azione purificante e astringente.

Privilegiare prodotti specifici come le maschere per capelli grassi

Le maschere in tessuto di Gyada Cosmetics favoriscono l’assorbimento dei principi attivi grazie all’effetto termico. La maschera in tessuto purificante e antiforfora e la maschera in tessuto seboequilibrante e addolcente sono particolarmente adatte per chi ha i capelli grassi.

Evitare i prodotti contenenti siliconi

Potrebbero appesantire ulteriormente i capelli e le loro lunghezze, facendoli apparire oleosi e costringendovi a lavarli con maggior frequenza.

Evitare di usare il phon alla massima temperatura

Tenerlo sufficientemente distante dal cuoio capelluto e usarlo ad una temperatura media sono sempre buone abitudini per la cura dei capelli.

Non usare le unghie sul cuoio capelluto durante lo shampoo

Se per alcuni potrà sembrare un gesto per far agire maggiormente il prodotto, vi sbagliate! Così facendo non farete altro che creare microlesioni all’interno delle quali lo shampoo resterà “intrappolato” e questo aumenterà il rischio di rossori, pruriti e irritazioni.

Semplici consigli, ma che una volta applicati saranno in grado di migliorare la haircare routine.

Non ci resta che provare! ?

Ti interessano altri articoli? Vai alla Home Page del Blog Clean Attitude

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *