Nutrire i capelli e idratarli, è possibile?

nutrire i capelli

Nutrire e idratare sono due verbi che molto spesso vengono associati ai capelli, oltre che alla pelle. Ma se ci soffermiamo sul loro significato è necessario fare delle considerazioni.

I capelli non sono materia viva.

O meglio, le lunghezze sono costituite da cellule morte mentre l’unica parte viva del capello è la sua base: il bulbo. I prodotti che utilizziamo sui nostri capelli, dal momento che non sono vivi, non vengono assorbiti. Non è del tutto corretto parlare di assorbimento, così come di idratazione e nutrimento, quando parliamo della nostra chioma.

I prodotti che applichiamo, infatti, agiscono sulla superficie.

Questo non significa che non siano efficaci, anzi: esistono diversi trattamenti che migliorano la pettinabilità dei nostri capelli come balsami e maschere, così come diversi prodotti dedicati allo styling. Ma allora quando sentiamo parlare di idratare e nutrire i capelli cosa significa?

Nutrire i capelli.

Significa utilizzare sostanze grasse quali oli e burri vegetali, in modo da rendere i nostri capelli morbidi e luminosi al tatto. Ci sono diversi trattamenti che contengono questi ingredienti: maschere capelli come la Maschera Lucidante al Mirtillo di Alkemilla, oppure balsami come il Balsamo Anticrespo di Gyada Cosmetics.

E’ inoltre possibile utilizzare un olio puro, sui capelli precedentemente inumiditi, per un impacco pre-shampoo. L’Olio di Cocco di Nacomi è un’ottima soluzione per chi è alla ricerca di un prodotto completamente naturale.

La struttura chimica dell’Olio di Cocco lo rende uno tra i migliori oli per i capelli.

Un altro olio molto utilizzato è l’Olio Per Capelli Amla di Khadi, efficace anche per contrastare le problematiche di forfora e prurito del cuoio capelluto. E’ sufficiente tenere in posa l’impacco per una o due ore, per poi risciacquarlo con abbondante acqua e shampoo. In caso di capelli secchi è consigliato utilizzare l’olio di cocco su tutte le lunghezze e sul cuoio capelluto. Per i capelli grassi invece è preferibile utilizzare l’olio sulle lunghezze o solo sulle punte, dal momento che potrebbe appesantirli eccessivamente.

Idratare i capelli.

Idratare significa apportare acqua alla nostra chioma. I prodotti a base acquosa, utilizzati per i capelli, sono molteplici e presentano diverse caratteristiche. Un esempio è sicuramente il Gel d’Aloe di Alkemilla, che è perfetto non solo per idratare la pelle, ma anche per lo styiling dei nostri capelli.

Il gel d’aloe è una valida alternativa al gel tradizionale.

Rispetto a quest’ultimo infatti non tende a seccare i capelli, mantenendoli fissati e morbidi allo stesso tempo. Un altro prodotto a base acquosa, anch’esso ideale dopo lo shampoo per fissare e disciplinare i capelli, è la Mousse Capelli di Gyada Cosmetics. La texture spumosa permette di essere utilizzata anche da chi ha i capelli più spessi ed è alla ricerca di un cosmetico che non li appesantisca ulteriormente.

Solitamente i prodotti a base acquosa non necessitano di essere risciacquati, mentre quelli a base oleosa vengono utilizzati prima dello shampoo o sotto la doccia. Ci sono però anche trattamenti a base di olio utilizzabili sui capelli umidi, prima dell’asciugatura. Un esempio è sicuramente la Crema Olio Capelli di Seta Linea Undici di Domus Olea. Questo prodotto, nonostante sia arricchito con oli e burri, presenta una texture leggera che ne permette l’applicazione prima o dopo lo shampoo, a seconda delle preferenze.

Sentiamo spesso parlare di idratare e nutrire i nostri capelli, ma è facile fraintendere i significati di questi due verbi se non conosciamo le caratteristiche della nostra chioma. Dopo queste considerazioni sarà sicuramente più facile capire quale prodotto fa al caso nostro e perché lo utilizziamo, non trovi? 😉

Ti interessano altri articoli? Vai alla Home Page del Blog Clean Attitude

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *