Cucina vegan: Martina ci parla delle sue ricette felici

Giornalista, autrice e dispensatrice di consigli e ricette vegane. YES: Ysabella ha fatto una chiacchierata con Martina riguardo il mondo della cucina vegan e del clean beauty.

Raccontaci qualcosa di te e del tuo blog di cucina vegan

Inizio dal mio blog Vegan Cucina Felice, un contenitore di ricette “felici” (perché vegane, cruelty free e da seguire a cuor leggero!) ma anche di consigli per lo shopping vegano e per mangiare vegetale in tantissime città d’Europa. L’ho creato nel 2012 con l’esigenza di comunicare che la scelta vegana è liberatoria e per niente triste, poi questo progetto è cresciuto con me. Ora sono giornalista e autrice, con il pallino per tutto ciò che appartiene al mondo green e sostenibile.

Come nasce la tua passione per la cucina vegana?

Per esigenze di vita. Quando ho eliminato dalla mia dieta non solo carne e pesce ma anche latte e uova, mi sono ritrovata a chiedermi:”E adesso cosa mangio?“. Ho trovato la risposta con il tempo, conoscendo ingredienti nuovi che la “pigrizia” dell’alimentazione comune non mi aveva fatto vedere prima: cereali integrali, farine di legumi, bevande vegetali … e sperimentando in cucina. Ho iniziato a condividere tutti gli esperimenti riusciti per dimostrare che “se vuoi, puoi“. Ed eccomi qui, dopo 8 anni, con tante armi culinarie in più e una curiosità sempre nuova verso la cucina vegan. 

Molti vedono il veganismo come qualcosa di noioso. Come cambiare questa percezione?

Negli anni ho capito che non si finisce mai di imparare. La cucina vegan è un mondo nuovo, divertente ed eccitante. La percezione comune è quella di essere costretti a “mangiare senza qualcosa” ma non è così: a cambiare è l’intero paradigma delle abitudini alimentari. Eliminando dalla propria alimentazione ciò che abbiamo sempre mangiato, quasi senza pensare, con il pilota automatico, si apre un mondo diverso e fatto di possibilità, molto gustose! Ho imparato ad usare le spezie, le marinature e a creare salse super saporite senza usare nulla di animale. Pensiamo al panino: come diventa il panino senza prosciutto e formaggio? L’ultimo che ho mangiato era buonissimo: verdure marinate e grigliate, salsa romesco, ricotta di mandorle e olive taggiasche. Sfido chiunque a dire che non fosse buono! La strada giusta è quella del buon esempio: far provare agli amici ricette vegane saporite e proporle in maniera invitante.

Cosa sai del movimento clean beauty e quali elementi reputi più attuali?

Sento il movimento clean beauty molto vicino perché si basa sull’idea di consapevolezza, che è poi una parola chiave anche per il movimento vegano: sapere sempre cosa contiene e da dove proviene ciò che si acquista è la base da cui partire sia per i prodotti cosmetici che per quelli alimentari. Poter scegliere una cosmesi vegana, cruelty free, naturale e a basso impatto ambientale è una grande conquista per chiunque abbia a cuore la propria salute e quella del Pianeta. E c’è di più: più naturale spesso equivale anche a più efficace (se si parla di beauty) e più buono (in cucina!)

Ti interessano altri articoli? Vai alla Home Page del Blog Clean Attitude

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *