Biocosmesi: Tina di Miss Purpurea ce ne parla

Abbiamo intervistato Tina, autrice del blog Miss Purpurea – nato come rifugio e mezzo per veicolare la sua passione, la cosmesi. La visione di cosmesi che Tina propone è etica, consapevole, rivoluzionaria. Ci ha raccontato della sua “transizione” alla cosmesi naturale, di clean beauty, e dei benefici dell’adozione di un approccio critico al consumo.

Raccontaci qualcosa di te e del tuo blog

Ciao a tutti! Io sono Tina, ho 26 anni, sono laureata in Lingue e Letterature Moderne Europee e quattro anni e mezzo fa ho aperto il blog “Miss Purpurea”, dove mi occupo di quella che è una delle mie più grandi passioni: il mondo della bellezza

Il blog è nato in un momento molto difficile della mia vita, durante il quale ho sentito la necessità di creare uno spazio tutto mio dove poter dare libero sfogo alle mie passioni e, soprattutto, rifugiarmi. Ecco che, quindi, il 16 maggio 2016 ha preso vita questo progetto che è cresciuto con me e che ogni giorno mi regala immense soddisfazioni.

Sul blog e sul mio profilo Instagram (@misspurpurea) mi occupo principalmente di recensioni e test di prodotti, condivido le mie riflessioni sul beauty, do consigli a chi si sta approcciando a questo mondo e, soprattutto, cerco di stimolare le persone che mi seguono a sviluppare una capacità di scelta critica, consapevole ed etica nell’utilizzo dei cosmetici. I prodotti di cui parlo sui miei canali social, infatti, sono esclusivamente di origine naturale e/o biologica.

Come nasce la tua passione per i cosmetici?

La mia passione per i cosmetici e, in generale, per il mondo della bellezza è nata nel lontano 2008: in quell’anno iniziarono a spopolare i primi canali YouTube dedicati al make-up e, pian piano, mi sono appassionata sempre di più al trucco. Crescendo, poi, ho iniziato ad informarmi e a fare tesoro delle mie esperienze (o, per meglio dire, dei miei esperimenti) e si è concretizzata ancor di più la volontà di dedicarmi alla cura di me stessa a 360°. Nel 2016, poi, ho deciso di dare una svolta alla mia beauty routine ed ho iniziato la “transizione” verso la cosmesi naturale; da lì, tutto è cambiato. Sentivo la necessità di condividere anche con gli altri le mie scoperte ed i risultati che stavo ottenendo utilizzando prodotti con formulazioni pulite ed ho iniziato ad interessarmi sempre di più alle questioni ambientali, cosa che mi ha portata a modificare il mio stile di vita in un’ottica eco-friendly.

In particolare, cosa pensi dei cosmetici bio?

Penso che il fatto che oggi l’utilizzo di cosmetici naturali si sia così largamente diffuso è la dimostrazione che sempre più persone stanno acquisendo consapevolezza e coscienza riguardo la presenza di eventuali ingredienti più o meno dannosi (per noi e l’ambiente) all’interno dei prodotti. Personalmente, ho avuto modo di testarne tanti nel corso di questi anni, sia grazie alle collaborazioni con le aziende sia perché direttamente acquistati da me (ci tengo sempre a sottolineare che prima di essere una blogger sono una consumatrice), ed ho ottenuto dei risultati eccezionali. Oggi, a differenza di anni fa, il mercato offre tante possibilità: sono moltissimi, infatti, i brand che hanno presa vita in questo mondo e che con prezzi accessibili danno la possibilità a tutti di prendersi cura di sé in modo consapevole, basta pensare a La Saponaria, Biofficina Toscana, Gyada Cosmetics, Domus Olea Toscana e tantissimi altri. La qualità fa sempre la differenza!

Cosa sai del movimento clean beauty e quali elementi reputi più attuali?

Spesso si tende ad associare il concetto di clean beauty al semplice utilizzo di prodotti con ingredienti di derivazione naturale ma, in realtà, si tratta di un vero e proprio stile di vita.

Adottare la filosofia del clean beauty, infatti, significa non solo prediligere prodotti naturali, ma più in generale adottare una prospettiva ed un modo di vedere e concepire gli acquisti in maniera totalmente differente. Ecco che, quindi, il movimento clean beauty si collega in maniera decisa alla questione ambientale: prediligere confezioni riciclabili, evitare gli sprechi e l’utilizzo di prodotti monouso, preferire tutto ciò che è riutilizzabile, lavabile e cruelty free sono solo alcuni degli aspetti fondanti di questa nuova modalità di approccio al consumo consapevole. Oggi sono tante le persone che hanno deciso di rivoluzionare la propria vita in quest’ottica ma, soprattutto, altrettante sono le aziende che hanno totalmente rinnovato il loro modo di fare marketing e produrre prodotti per venire incontro alle esigenze di tutti coloro che non vogliono precludersi la possibilità di prendersi cura di sé ma che, allo stesso tempo, hanno un occhio di riguardo nei confronti della casa che ci ospita e che quotidianamente ci fa dei grandi doni: la Terra.

Ti interessano altri articoli? Vai alla Home Page del Blog Clean Attitude

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *