Biocosmesi: Gaia di Biancaneve makeup ce ne parla

Abbiamo intervistato Gaia, fondatrice del blog Biancaneve make-up. Con lei abbiamo parlato dell’origine della sua passione per la cosmesi, di cosmesi bio e di clean beauty.

Raccontaci qualcosa di te e del tuo blog

Ciao a tutti e grazie per l’opportunità. Sono Gaia, ho 46 anni (che sono tanti se pensiamo ai 15enni su Tik Tok!), una laurea in Scienze Naturali nel cassetto e una vera passione per il beauty. E per dare voce a questa passione, 9 anni fa, ho aperto il blog Biancaneve makeup. Uno spazio di informazione e confronto in cui invitare tutte le amiche, e gli amici, virtuali.

Come nasce la tua passione per i cosmetici?

L’amore per i cosmetici nasce da quando ero piccola. Ancora mi ricordo che, da bambina, mi incantavo davanti alle vetrine delle profumerie, affascinata da profumi e colori.
Probabilmente fossi stata più consapevole, avrei scelto un percorso di studi che assecondasse questa passione, invece ho fatto altro.
L’amore però è sempre rimasto e qualche anno fa è riemerso in maniera fragorosa, spingendomi ad aprire il blog, anche se da semplice appassionata e non da esperta.

In particolare, cosa pensi dei cosmetici bio?

I cosmetici bio sono una bella realtà. La qualità è finalmente molto alta, le aziende hanno una sezione ricerca e sviluppo davvero all’avanguardia e ora possono soddisfare un mercato sempre più attento, esigente e in crescita.
Le performance dei cosmetici bio possono oggi essere confrontate con quelle dei cosmetici di alta gamma tradizionali e questo dà una spinta per aumentare la qualità a tutto il settore.
Io cerco efficacia e performance e se un prodotto bio me le assicura, sono molto contenta. Tra i marchi che ho utilizzato e che mi hanno soddisfatta voglio citare Avril, Neve Cosmetics, dr. Organic, Eterea, Puro Bio.

Cosa sai del movimento clean beauty e quali elementi reputi più attuali? 

È innegabile che serva un cambio di rotta e i consumatori consapevoli possono davvero dare un grosso contributo, scegliendo prodotti a minor impatto ambientale, che non contengano derivati del petrolio, che facciano parte di brand con una filosofia verde a 360°, in cui la tutela dell’ambiente non sia solo un claim da green washing.
Ci vuole una maggiore pubblicità per far conoscere la cosmesi bio e l’importanza della clean beauty, sono quindi ben felice di poter dare il mio contributo alla comunicazione di queste buone pratiche. 

Ti interessano altri articoli? Vai alla Home Page del Blog Clean Attitude

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *