Viaggiando s’impara: ne parliamo con Chiara

YES: Ysabella ha avuto il piacere di intervistare Chiara Ruggeri che, con il suo blog viaggiandosimpara.org, tratta di viaggi responsabili. Scopriamo di più.

Raccontaci qualcosa di te e del tuo blog.


Sono Chiara e sono appassionata di viaggi. Fin da piccola, grazie alla mia famiglia, ho sempre visitato posti nuovi con curiosità, e poi ho approfittato di tutte le occasioni possibili per vivere in altri luoghi e vedere altri angoli di mondo. Sono stata volontaria in Brasile, ho fatto due volte l’Erasmus in Germania e ho fatto la ragazza alla pari in Spagna, esperienze uniche che consiglio a tutti. Il mio blog è nato nel 2012 dalla voglia di raccontare le mie esperienze, e si chiama “Viaggiando s’impara” perché sono convinta che l’esperienza diretta sul campo insegni molto più di molti libri. Viaggiare apre la mente, e visitare i luoghi con i loro musei e siti di interesse, scoprirne la storia e conoscere le persone del posto fa apprendere tantissime cose.


Come nasce la tua passione per il turismo sostenibile e responsabile?


La passione per il turismo sostenibile e responsabile nasce dal fatto che amo viaggiare, ma vorrei farlo senza impattare negativamente su questo pianeta. Il turismo ha i suoi lati negativi ma può essere un ottimo modo di far crescere una comunità, svilupparne i servizi e l’aspetto economico, proteggendo al contempo l’ambiente. Nei miei studi universitari ho avuto la conferma dell’importanza del turismo sostenibile e responsabile, in particolare studiando la sostenibilità in una città come Venezia, in cui la gestione dei flussi turistici si fa sempre più delicata. Nel nostro piccolo, ognuno di noi può fare scelte importanti nei propri viaggi, dalla scelta dei mezzi pubblici fino al comportamento da tenere in viaggio. Sul mio blog ho raccolto tanti suggerimenti e consigli in una rubrica chiamata #viaggiaresponsabile, per viaggiare con la testa e con tanta passione rispettando l’ambiente e le tradizioni delle persone che incontriamo.


Cosa sai del movimento clean beauty e quali elementi reputi più attuali?


Ho conosciuto da poco il movimento clean beauty, anche se in realtà ne facevo già parte inconsapevolmente. Spesso infatti acquisto ed utilizzo prodotti biologici e/o naturali, sia per la cura della persona che della casa, e cerco in generale di rispettare l’ambiente utilizzando anche articoli che possano essere riutilizzati e riciclati. Tante volte utilizzo prodotti naturali che ho in casa, come limone e aceto per la pulizia e l’igiene delle superfici, così come utilizzo olio, sale, zucchero e miele per preparare scrub e maschere casalinghe. Decidere di aderire al movimento clean beauty è una scelta impegnativa, perché bisogna fare attenzione ai prodotti che acquistiamo e leggere le loro etichette, ma è una scelta responsabile, per noi e per l’ambiente.

Ti interessano altri articoli? Vai alla Home Page del Blog Clean Attitude

Lascia un commento